segnalazioni

Newsletter


Dillo a un amico


I video su YouTube


Le foto su Flickr


www.flickr.com
This is a Flickr badge showing public photos from quellichebravo. Make your own badge here.


romeo.jpg

Oggi vi portiamo nel cuore di Mirafiori, lo storico stabilimento Fiat Auto di Torino. In realtà, non è solo uno stabilimento, ma un enorme comprensorio di fabbriche, uffici, laboratori tecnici. Proprio qui, per la precisione al Corpo 6 di Corso Settembrini, incontriamo l’ingegner Gianfranco Romeo, dell’ente Engineering & Design, responsabile del modello 198 (la BRAVO!). Gianfranco coordina tutta la struttura interfunzionale che segue i rami principali della vettura: finizioni (interni), esterni e scocca, elettronica, telaio, powertrain ed è responsabile dei costi, degli investimenti (gestisce e ne autorizza la spesa) e dei tempi della vettura.

QuelliCheBravo:
Gianfranco, com’è nata la nuova Bravo?
Gianfranco Romeo: Tutto è iniziato dalla “wish list” del Centro Stile. La richiesta del management era infatti di realizzare la più bella auto del segmento C. E’ stato quindi chiesto ai designer, guidati da Frank Stephenson, di disegnare un’auto che fosse bella ed emozionale, senza tenere conto di vincoli tecnici. E’ nata così la wish list, che prevedeva un’auto dalla carreggiata piuttosto larga, con assetto basso, parabrezza inclinato, per dare un aspetto dinamico e passionale alla vettura. Da lì il progetto si è sviluppato nel tempo record di 18 mesi, una vera sfida che è già diventata uno standard in FIAT per i modelli che stanno seguendo e un riferimento per la concorrenza.

QCB: Come ci siete riusciti?
GR: Utilizzando una solida e collaudata base di telaio e poi sviluppando e testando il modello quasi totalmente in virtuale. Fatto che rappresenta un grande vantaggio per il cliente, perché ci ha permesso di effettuare tutti i test all’ultimo step di modifica: infatti, quando si fanno i test su prototipo ci si ferma, per ragioni di tempo, a testare l’auto in una fase intermedia di progetto. Virtualmente si testa in tempo reale e più volte una configurazione della vettura sempre all’ultimo stadio di sviluppo con il piu’ aggiornato modello di calcolo.


Una scelta coraggiosa, che rappresenta sicuramente una svolta nel modo di produrre automobili, sia per Fiat Auto sia per gli altri costruttori. E che ci sta dando enormi soddisfazioni, perché in questi giorni stiamo effettuando tutti i test fisici, vale a dire sulla vettura “reale”, a conferma di quelli virtuali, e stiamo avendo feedback che i test virtuali erano molto precisi e in alcuni casi conservativi (dunque piu’ valore al cliente). Ad esempio, sulla rigidità della scocca (rigidezza torsionale), che è importantissima perché dà al cliente l’effettiva percezione della solidità, della compattezza e della qualità dell’auto, la simulazione aveva calcolato già un buon valore: adesso i test fisici hanno valutato un 20% in più rispetto al virtuale, facendo registrare un valore ai vertici del segmento C.


Per le simulazioni virtuali ci siamo avvalsi anche della collaborazione di uno dei migliori fornitori di Engineering del mondo (Magna Steyr) e questo è stato ulteriore garanzia di successo.

In definitiva credo comunque che il vero segreto del successo sia da ricercare nelle persone che fanno parte di questo team (quelli che BRAVO..) che hanno accettato la sfida, mettendosi in gioco personalmente in un contesto interfunzionale ed internazionale, raccogliendo il meglio del Know-how aziendale ed extra-aziendale e superando brillantemente l’ostacolo del “abbiamo sempre fatto cosi’”.
Ogni volta che ci si trovava davanti a qualche “trade off” usavo chiedere: se qualcuno ha “esperienza” di sviluppo totalmente virtuale, contesti pure le scelte fatte…ma ovviamente non c’era nessuno ed il processo decisionale è stato cosi’ rapidissimo e condizionato dalle sole persone del mio team che, ovviamente, avevano il maggior Know-how in quel momento per decidere.

(continua…)


54 Commenti a “A colloquio con l’ingegnere”

  1. 1 Ronald

    Interessante intervista. Pero non ho capito bene l’argomento della solida e collaudatoa base di telaio visto che mi pare che il pianale della bravo e’ anche essi nuovo… o mi sbaglio? Dunque per avere queste certezze dell telaio si sonjo usate anche queste nuove tecnologie virtuali o avete fatto dei test fisici - magari con carrozzerie della stilo?

    Intanto complimenti per l’iniziattiva del sito e della bravo che mi pare essere una gran bella macchina che spero rimpiazzera presto la mia amata, ma ormai vecchia, brava.

  2. 2 Guido

    Da “Bravista” (Brava) non posso che essere contento di questa nuova versione.

    La parte posteriore è volutamente ispirata alla Bravo I serie?

    Si prevede, in futuro, una versione quasi-3volumi come evoluzione della Brava?

    Un saluto e complimenti per l’evoluzione degli ultimi anni
    Guido

  3. 3 Vincenzo Mura

    avevo già sentito parlare dello sviluppo totalmente virtuale della Bravo…e prontamente qualche esterofilo ha subito condannato tale soluzione…certo se un metodo innovativo lo usa la fiat allora è azzardato e inefficace, se invece lo usano audi/bmw allora loro sì che sono all’avanguardia!!!
    per favore mettete da parte i pregiudizi e siate un pò più italiani (non siatelo soltanto quando si vince il mondiale!!!!)…..

  4. 4 Jack

    Ronald il pianale è quello della Stilo ;)

  5. 5 Angelo

    Tanti errori da FIAT. Prima la 500 e la 600, poi la bravo; troppo tardi per recuperare dei nomi mitici. Non basta il nome per potersi definire “bravo”.

  6. 6 Gpuntista

    Bella intervista, molto interessante!!

    Vado pesantemente OT: quando si sapra’ qualcosa sui motori, sulle versioni disponibili e principalmente sui prezzi? Sono indecisissimo sul comprare una GP (la seconda, dato che ne ho gia’ una) oppure una nuova Bravo… e’ vero che verra’ presentata il 28 Gennaio prossimo? GRAZIE

  7. 7 Guido A.

    Il pianale della Stilo è di tipo modulare ed appositamente realizzato per essere utilizzato su altre vetture… anche dalla new Bravo!

  8. 8 Alastor

    Interessanti le notizie sul “virtual engineering”, se ne parlava da mesi, ora finalmente abbiamo un’idea di che cosa significa esattamente. Spero solo che tutto ciò sia ripetibile in produzione e che la qualità costruttiva degli esemplari di serie sia adeguata, alla fine è quello che conta. Poi, a proposito di progetto della scocca, spero che abbiate fatto un’auto leggera, il contenimento del peso è la base migliore da cui partire per un’auto con buone prestazioni e consumi. Non sarebbe la prima volta che su auto Fiat compaiono pianali&telai derivati da precedenti ma alleggeriti, spero abbiate fatto lo stesso stavolta.

  9. 9 Salvatore GIANNOTTA

    Bravo

    Sono un Tifosi di FIAT (Francia) , la Bravo penso che sara una bella Auto, ben riuscita, ma c’è un ma, le riparazioni sono troppo costose, sulla mia Stilo per cambiare le luci occorre togliere il parchoc 60 Euros (2 ore di lavoro), per cambiare le candele di preriscaldamento 200 Euro. No so se in Italia le riparazione sono meno caro ,ma in Francia è una catastrofa. A tel punto che non voglio piu cambiare la mia Stilo contro la Bravo ma contro una piccola auto tipo Panda.

    Allore ciao Bravo per me
    Buon vento à la Bravo per chi puo spendere 60 Euros per une lamadina che ne costa 5 Euro

    Forza la squadra CAMPIONI DEL MONDO

    Salvatore

  10. 10 aloys

    trovo interessante l’impostazione del progetto ,ma cautela con lesimulazioni la reaLraltà e sempre più sicura.
    calma aparlare di successo il modello non è ancora sul mercato.
    comunque siete sulla buona strada per ottenerlo .attenzio a come e cosa dire te per pubblicizzarla;devete vantarei punti forti e le qualità senza sootintendere nulla spiegate tutto nei minimi dettagli.
    aspetto altre novità

  11. 11 dino

    Mi sta piacendo l’idea di chiamare le nuove auto come le antenate e pure farle somigliare tra loro, come noto la parte posteriore della bravo 2007 assomiglia alla vecchia bravo,cos’è un modo per rassicurarsi un successo avuto dalla prima serie o una coincidenza troppo coincidente?
    Possiamo notare la somiglianza della trepiùno con la mitica 500,non è giusto questo, è come ristilizzare,allungando l’auto;se si avrebbe un successo non sarebbe un successo meritato perchè non eseguito partendo da nuovi progetti.

  12. 12 ronald

    Dino non sono del tutto d’accordo. La tre piu uno era un concept della fiat - cosi se adesso ci fanno la 500 con la stessa filosofia ed ha successo come si puo dire che non e’ merito loro? Se fosse un design della italdesign e la Fiat lo fa suo sarei d’accordo ma in questo caso e tutto nella stessa casa… allora successo meritato fino in fondo… per altro e per questo che si fanno i concept car no?

    Grazie a Jack per la precisazione ma mi ricordo di alcuni blog qualche mese fa di un pianale compact sul quale la nuova bravo e anche la 149 saranno prodotti.. e’ lo stesso pianale della stilo? Mi pare un po strano.Intanto aspettiamo ancora per veder un po piu degli interni di questa nuova bravo che gli schizzi che abbiamo visto qualche giorno fa sembrano ancora un po troppo provisorie….

  13. 13 boyler

    Speriamo in bene bella è bella…..

  14. 14 dino

    Io intendevo dire che la trepiùno è molto simile alla 500 che conosciamo tutti,non che il pianale fosse di Giugiaro.Vorrei che commentaste sul fatto della somiglianza tra il dietro della nuova e della vecchia BRAVO.

  15. 15 Guido A.

    x Dino

    con la Stilo si è voluto puntare su una linea nuova.. che purtroppo nn ha riscosso i favori del pubblico: io ho una Stilo 3p (che come estetica mi piace ed nn è un clone o assomiglia a qualche altra auto) e nn ho mai capito perchè la 5p nn l’hanno fatta derivare da questa piuttosto che darle quel posteriore… idem per la mw…

    ..con la new Bravo si vuole ritornare a delle linee “tradizionali” ed è ovvio che ci si ispiri a qulacosa di già testato e che il pubblico aveva apprezzato.. poi se parli con qualche appassionato della 1a serie di Bravo (1995-2001) ti dirà che la vera Bravo è solo qualla e non questa…
    io almeno la vedo così

    Guido

  16. 16 Alastor

    @ronald, il pianale della Stilo era uno space frame modulare in passo e carreggiate, quindi quello in uscita su Bravo e 149 non è esattamente uguale, sono state fatte delle modifiche (la 149 dovrebbe anche avere sospensioni specifiche). Ma la base di partenza è quella (ed è buona, imho).

    @dino, non ci vedo nulla di male a copiare le PROPRIE auto. Volendo rievocare la vecchia Bravo, era prevedibile che la nuova le somigliasse in qualche particolare. Ed era auspicabile, vista la bellezza di quell’auto.

  17. 17 dino

    Quanto costerà la nuova BRAVO?

  18. 18 dino

    Avrei due domande da fare ai visitatori di questo blog:
    -intorno a quanto costerà la nuova bravo?
    -secondo voi quante stelle euroncap guadagnerà?

  19. 19 Ronald

    Sono di nuovo io… Grazie alastor per la precizazzione. E pure io non la vedo tutta cosi simile alla vecchia bravo…. il posteriore e’ piu alto e molto meno piatto della vecchia bravo… le luci sono si grandi come per la bravo ma poi anche per la stilo 3P erano grosse e cosi via. Io la vedo piu come una via di mezzo fra la Bravo e la Brava - che per me era una auto molto piu intelligente della bravo e anche della Stilo 3 o 5P… sembra grande come la brava ma senza il ‘culo’ scusatemi la parolacia…

  20. 20 Messer Azzone

    Ho una punto Sporting 1.2 16v con 120.000 km con la quale non ho mai avuto problemi. Anzi, consiglio a tutti quelli che denigrano la Fiat di farci un giro: non ho mai avuto scricchiolii, le plastiche e gli interni sono a posto e a livello di tutte le altre case e l’affidabilità è addirittura superiore.
    Ora il motore a benzina fa sentire la sua età e la mia intenzione è di cambiarla verso febbraio-marzo al massimo, ma sinceramente sono un po’ perplesso perché, premesso che la Stilo non mi è mai piaciuta, vorrei una piccola SW.
    Siccome con FIAT mi sono sempre trovato benissimo, se ci fosse stata una versione SW della Bravo mi ci sarei buttato a capofitto senza pensarci.
    Con la versione a cinque porte non so se il bagagliaio è abbastanza spazioso per le mie esigenze; si possono conoscere le dimensioni interne di spazio di carico utile?
    Mi capita spesso di caricare due casse e vorrei un’auto che mi permetta di farlo senza abbattere i sedili.
    Spero di non dover abbandonare il marchio FIAT, perché sinceramente la cosa mi dispiacerebbe non poco…

  21. 21 Edoardo

    capacita’ del bagagliaio: 400 litri!

  22. 22 carlo

    x messer azzone,

    non so se potrà sostituire una sw ma cmq la nuova bravo dovrtebbe avere un bagagliaio ai vertici della categoria.
    C’è solo da sperare che il peso sia contenuto e che il 1.6 tdi esca presto.

  23. 23 Vincenzo Mura

    guardate che la Bravo uscirà in versione SW…però solo nel 2010 (come previsto nel piano di produzione),contemporaneamente al face lift.

  24. 24 Letimbrus

    @ carlo:

    tdi???
    mai e poi mai!!!!!!!!
    MULTIJET semmai!!!!!!!

  25. 25 simone

    quale è stato l’apporto della MAGNA STEYR ?

  26. 26 Edoardo

    no…. uscira’ la Fiat XOver…. nel 2009

  27. 27 Roberto

    X dino… io mi auguro che i prezzi siano abbastanza concorrenziali. Considerando che la CROMA, di classe superiore, è offerta ad un buon prezzo rispetto alla concorrenza, non credo che Bravo debba essere offerta in concorrenza con quest’ultima. Per quanto riguarda le stelle euroncap ritengo che stare sotto le 5 (ossia il massimo) sarebbe uno autogol clamoroso, visto quanto sta facendo in questo senso la concorrenza (escluse molte coreane e le cinesi) che si mantiene su livelli altissimi. Inoltre anche Grande Punto ha ottenuto 5 stelle su 5… di meno nun se pò accettà..

  28. 28 dino

    Se la grande punto parte da 11.111€ la nuova BRAVO partirà da 22.222€!??

  29. 29 Guido A.

    dalle chiacchere in giro per la Rete…

    il mensile “AUTO” ipotizza qualcosa del genere:
    - entry level 16.000€
    - 1.4 tjet150 20.000€
    - 1.9 mjet150 21.000€

    il quotidiano “Corriere della Sera”
    idem 21.000€ sl prezzo della mjet150

    ovviamente è da considerare la dotazione con cui saranno offerti i vari modelli ed i vari allestimenti…

  30. 30 Ronald

    Per chi non gli ha gia visti su autoblog.it ed altri blog ci sono un sacco do foto della bravo e anche degli interni - incluso il bagagliaio….

  31. 31 Messer Azzone

    Beh nel 2009-2010 per me è un po’ troppo tardi per cambiare. La prossima auto vorrei tenerla per un po’ (quindi sicuramente gasolio).
    Conosco la volumetria, ma quello che mi interessa sono proprio le dimensioni…

  32. 32 Massimo

    la vista anteriore e la vista laterale non mi piacciono molto…somigliano troppo troppo alla GPunto….la vista posteriore mi piace….le luci posteriori potevano fare con i LED che la notte si vedono meglio e in piu si accendono prima….le frecce si potevano integrare anche negli specchietti retrovisori….spero cmq che i motori TURBO non soffrano di turbo-lag come gli attuali,che vadano forte e consumino poco come quelli del GRUPPO BMW e GRUPPO VOLKSWAGWN….che l abitacalo sia ben insonorizzata come le LEXUS e le VOLVO….spero inoltre che la qualita,sicurezza,affidabilita sia ottima,…..e che abbia sistemi di sicurezza moderni..tipo mercedes e volvo e Audi..ecc ecc

  33. 33 Andrea L.

    Interessante l’intervista! attendo di leggere il seguito.. Anche quattroruote ipotizza un entry level di 16.000 €

  34. 34 Dario Favilla
  35. 35 Ardito Saetta

    Personalmente, penso tutto il bene possibile di quest’auto. Siamo in trepida attesa.

    http://autonovita.blogosfere.it/cerca/?search=bravo

  36. 36 Luc

    Qualcuno sa qualcosa riguardo alla dotazione di sicurezza?Spero infatti che la Bravo abbia di serie l’ESP,l’ASR,gli airbag laterali anteriori e per la testa, e i poggiatesta attivi, al pari della Golf che è forse l’unica della sua categoria ad offrirli di serie su tutte le versioni. Ricordo infatti che sulla Stilo bisogna sborsare ben 600 euro per i due sistemi elettronici,mentre riguardo agli airbag alcuni modelli ne possono montare soltanto 2(!),mentre su altri bisogna pagare 400 euro.Per un’auto moderna per le famiglie trovo ciò inaccettabile (anche se la Stilo non è l’unica,vedi Focus e Astra) (dati mensile CAMBIO)

  37. 37 uno dei tanti italiani in america

    ciao sono un italiano in america, vi scrivo da Los Angeles e non ci crederete ma addirittura in america hanno detto al tg del vostro sito “quelli che bravo”. Questa Bravo è fantastica spero di riuscirla a comprare e importare qui in america per far vedere lo stile italiano agli americani. P.s. qui in america ho la nuova honda CR-V comprata per soli 23.000 euro e l’anno prossimo la cambiero per la Bravo. Ciao a tutti voi italiani spero di ritornare presto, l’america non è cosi bella come nei film…

  38. 38 Mauro

    Da quando sono stato in Francia mi sono reso conto che in Italia siamo troppo esterofili.Li ci sono solo auto francesi e da allora ho sviluppato una forma maniacale per il made in Italy. Possiedo un’Audi ed una Opel….ma in futuro quando comprerò un’auto non esitero’ a comprarne una Italiana visti gli ultimi modelli che non hanno niente da invidiare alle marche estere. Forza Fiat Forza…..anzi no….Viva Italia

    Mauro

  39. 39 C. ROMEO

    Non credo di essere parente dell’ing. comunque, sono un “Fiattista” - 1° perchè ho lavorato oltre 35 anni in questa azienda - 2° perchè ho avuto oltre 100 automobili dei piu’ svariati modelli del Gruppo. Possiedo attualmente l’IDEA ed attendo con trepidazione la commercializzazione della NUOVA BRAVO per poterla ordinare ed acquistare.
    Complimenti a tutti i progettisti e designer che l’hanno ideata.
    Se ci fosse la possibilità di partecipare ai test di prova, che normalmente vengono affidate ai clienti subito dopo il lancio, sarei orgoglioso di poter essere fra i primi a guidare la nuova “meraviglia”.
    Grazie per l’attenzione ed un saluto particolare all’ing. Gianfranco (mio omonimo di cognome).

    C. Romeo

  40. 40 Fulvio

    Complimenti davvero….sono sempre stato poco ammiratore del marchio Fiat, ma devo ammettere che oggi siamo davvero su un altro pianeta: la percezione è di azienda vincente e di prodotti di alta qualità. Acquisterò sicuramente la Bravo durante la prossima estate.
    Non conosco ancora nulla di più di quello che vedo qui a proposito della vettura, ma mi piacerebbe davvero tanto se avesse tutti quei dispositvi apparentemente inutili ma importanti per sentirsi coccolati dalla propria vettura…tanto più se italiana (luci di cortesia potenti, luci di cortesia per le alette parasole, luci di cortesia nella zona dei piedi, comandi al volante e sui satelliti retroilluminati, specchietto retrovisore fotocromatico, sensore pioggia, fari allo xeno con lavafari e accensione automatica, tergilunotto intelligente ad azionamento automatico con l’inserimento della retromarcia, doppia luce retronebbia e doppia luce di retromarcia, magari anche i fari diurni…visto che in Italia sono obbligatori, luci di parcheggio, etc….).

  41. 41 Luca

    Una sola parola per descrivere la nuova BRAVO : SPETTACOLARE !!!
    Sono un “felicissimo” possessore di una Bravo del 2000 (1900 jtd) . In 6 anni 200000 Km e mai DICO MAI un problema ! . Sicuramente la mia prossima auto sarà ancora una BRAVO . Complimenti a tutti i progettisti . Dopo la Grande Punto un altra carta per mettere a tacere tutti quegli Italiani esterofili che comprano tedesco convinti che siano macchine con qualità eccelsa solo perchè pagano 5 0 6 mila euro in piu’…basta chiedere ai tedeschi cosa pensano della qualità VolksWagen degli ultimi anni….

  42. 42 Bruno

    Voglio la Gallardo, [...] !!!!!

  43. 43 Giancarlo (ho la Dyane)

    Meglio la mia, meglio la mia!!

  44. 44 Gabriele

    Volete fare rinascere la fiat a me nn sembra proprio, punto uno bisogna:
    1)cambiate gli orrendi led arancio bruttissimi
    2)fate uno stereo di serie decente con un bel display grande e dei tasti molto piu’ belli
    3) un po di plastica copri lamiere sulle portiere non costa nulla
    4)il pedale dell’accelerazione va messo all’incontrario tipo tedesco molto piu’ comodo
    5)i fari a led posteriori un miraggio troppo grande
    6)le frecce negli specchietti
    7)quattro luci sotto portiera
    8)un vano motore tutto coperto
    9)i mozzi a 5 agganci anche i coreani ci sono arrivati noi stiamo ancora ai 4 attacchi tipo uno anni 80
    10)fari x il giorno
    11)cofano con pistoncini
    12)niente avviamento a pulsante
    13)sospensioni posteriori da rivedere completamente
    14)un bel posacenere al posto di quel bicchiere orrendo
    15)il freno a mano e’ orrendo
    ecc… ecc… ecc…

  45. 45 max

    @ gabriele
    quindi motori e carrozzeria vanno bene……

    su molto cose nn m trovo d’accordo, certo la fiat nn sarà l’auo migliore al mondo xò….

  46. 46 Guido A.

    @ Gabriele

    a quanto pare le vendite (speriamo non sfalsate troppo dalle km00, aziendali, etc) dicono che la Fiat è rinata.. ovvio che dopo anni di ombra….

    cmq il tuo post mi ha stuzzicato… a quanto deduco vorresti che la Bravo sia una fotocopia di qualche auto già vista: magari la solita tedesca? dato che citi i led arancio (blu nel Golf) o gli specchietti con le frecce (che tutti hanno copiato dalla Mercedes) etc etc alla fine gran parte delle tue critiche sono solo estetiche…

    punto 1
    penso che ti riferisca al colore della strumentazione… il colore ambra è quanto mai “riposante” agli occhi

    punto 2
    non ho ben presente quello che è montato di serie.. cmq non mi pare male ed allineato alla concorrenza… puoi sempre rimuoverlo e metterci uno after-market

    punto 3
    non ho presente ..qualche esempio?

    punto 4
    mai avuto problemi con quelli italici… mica perchè è tedesKo deve essere per forza migliore?

    punto 5
    i fari posteriori a led sarebbero interessanti.. basterebbe che il body non si “lamentasse” se al posto delle lampadine a filamento mettessi quelli a led after-market

    punto 6
    ma è solo una questione di estetica, perchè le tedesche li fanno? da un lato costerebbe meno mettere le frecce negli specchietti (meno di un foro nella lamiera), dall’altro direi che sono esposte agli urti.. e se rompi una freccia poi ti piazzano tutto lo specchietto…

    punto 7, 11, 12
    questi gadget la Stilo (quella che ha preceduto la Bravo) li aveva già nel 2001… poi a quanto pare nessuno ci ha fatto caso se la filava… adesso Fiat ha fatto una macchina molto piacevole esteticamente ed ovviamente ha dovuto fare qualche economia… avviamento a pulsante e apertura/chiusura senz achiavi era nell pacchetto “easy go”

    punto 8
    mah?! preferisco un motore tutto in vista… la rifinitura del cofano non è una mia priorità nella scelta di una macchina.. megli oche sia funzionale… nella Stilo per sostituire una lampadina bisogna smontare 1/2 macchina, figuriamoci se avesse tutto il motore “chiuso”

    punto 9
    farebbe più figo i 5 dadi (lo ammetto) ..ci sarebbe anche più scelta per eventuali cerchi in lega aftermarket, ma evidentemente anche 4 bulloni tengono… cmq Renault, Peugeot su Megane e 308 mi pare che….

    punto 10
    cioè?

    punto 13
    certo che un sistema di sospensioni (specie posteriori) migliore non guasterebbe.. anche un Q2 sulle versioni spinte

    punto 14
    il bidoncino posacenere ormai lo hanno tutte….

    punto 15
    ma con la leva del freno a mano ci devi uscire la sera? vabbè con l’after-market ti monti una bella della Momo (come ho fatto io per la Stilo) e via….

    per il resto quoto Max

    Guidoooooooooooooo

    http://www.stiloclub.it - http://www.bravo198.it

  47. 47 Gabriele

    Ciao Guido per l’estetica la macchina e riuscittissima anche se io avrei messo il doppio scarico in vista su tutta la gamma.
    1) Per quanto riguarda i led saranno gusti personali ma secondo me se tutte le case automobilistiche puntano su strumentazioni fantascientifiche significa che interessano se no farebbero tutti i led uguali, poi internet e pieno di discussioni x cambiare i led., infine anche Bmw sulle prossime auto cambira’ i led arancio con led di ultima generazione.
    2)Per lo stereo mi lamento poichè x avere lo schermo grande devi prendere x forza il navigatore e i tasti sono una brutta copia di quelli della stilo.
    3) Quando chiudi le portiere vedi la lamiera sul contorno finestrino? Li potevano chiuderlo con dellla plastica tipo audi a 3 ford focus ecc…
    4)Da studi fatti risulta meno stressante la pedaliera tipo auto da corsa
    5) Putroppo il computer si puo ingannare con delle resistenze, il problema e che le lampadine a led su dei fari normali nn si vedano, hai lo stesso effetto di una lampadina tradizionale almeno che’ nn compri i due fari posteriori con attacchi a led.
    6) Ormai tutti stanno mettendo le frecce negli specchietti, credo che la Mercedes nn sia stata stupida a posizionare x prima le frecce li e poi mano mano tutte le altre case automobilistiche l’abbiano copiata.
    7)La fiat devo accontentare tutti i clienti quindi secondo il mio modesto parere hanno fatto una sciocchezza a non mettere l’avviamento a pulsante certo non interessa a tutti pero’ quella minima percentuale di persone a cui interessa non puo averlo.
    8)Io guardo ogni dettaglio di un auto anche il piu’ stupido per me il cofano tutto chiuso e molto meglio di un motore tutto scoperto
    9) I 5 bulloni andavano messi appunto xke’ la Fiat deve superare la concorrenza di Renault, Peugeot ed il fatto grave e ke i coreani hanno i 5 bulloni!!!
    10) Hai presente la Bmw oppure le nuove Audi in pratica di giorno nn accendi la lampadina che usi la notte x gli anabaglianti ma una porzione di faro solo x la guida giornaliera.
    11) Mai visto il bidoncino su Audi, W, Honda, le nuove coreane,lascia stare i francesi che ormai loro sono ancora in piedi xke’ a differenza nostra loro comprano solo auto francesi, ma su un auto da 20000 mila euro i vecchi 40 milioni di lire un posacenere con relativa led interno andava messo.
    12)Il freno a mano della stilo e’ superiore sia come aspetto estetico che come plastica.

  48. 48 Guido A.

    @ Gabriele

    Come appassionato di tuning (quindi con un occhio particolare verso certi particolari) ti capisco (5 bulloni, led etc etc anche per me ci stavano) ..anche se nella mia precedente risposta mi sono un pò immedesimato nell’utente/acquirente medio….

    Sono daccordo sul caratterizzare sportivamente solo certe versioni (tipo lo scarico cromato o le pinze rosse) dato che non tutti gli utenti sono “sportivi” anche se magari vogliono un motore potente sotto il cofano

    Per fare una bella cosa dovevano mantenere tutti i gadget della Stilo (tanto sotto la meracvigliosa creatura, c’è molta Stilo) dai pistoncini cofano ai gadget elettronici (nel 2001 la Stilo doveva uscire pure con il Radar Cruise Control… poi fatto niente) come l’avviamento a pulsante (magari come optionals) o le luci antipozzanghera, farla pagare 50-100€ in più e via… come immagine ci avrebbe guadagnato e 50/100€ in passano quasi inosservate.

    Io ho una Stilo my2003 che è già una versione migliorata di quella del lancio… meno problemi elettronici/elettrici ma meno gadget (tipo poggiabraccio posteriore, cassetto sotto sedile, luci plafoniera etc etc) ..la politica Fiat è questa (spero che con la Bravo sia cambiata), passa il tempo dal lancio aumentano i prezzi e meno le dotazioni (invece che farcirla per renderla ancora appetibile).. stesso discorso mi era capitato nel 97 quando ho preso una Punto GT my97 (30.000.000 di lire) che eera meno rifinita della precente elx 75 my95 che costava la metà.. vabbè lì c’era il 1400 turbo 130HP che compensava tutto

    Ho visto che citi audi, Bmw etc etc se confronti il prezzo tra una A3 ed una Bravo forse vedrai perchè si possono permettere molti gadget in più….

    Ciao Guido ;-)

  49. 49 Guido A.

    @ Gabriele

    per quanto riguarda le frecce negli specchietti… abbiamo una gradita sorpresa

    http://forum.stiloclub.it/viewtopic.php?f=9&t=14049

    …peccato che sia solo per il mercato brasiliano e per una vettura che qua Fiat ha già pensionato.

  50. 50 gabriele

    Ciao Guido grazie x la segnalazione gentilissimo, ancora nn capisco il perche’ la fiat fa queste cose solo x il mercato estero misteri!!! Ciao a presto x altre novita’

  51. 51 FRANCESCA BARRALE

    Gent.mo Ingegnere
    sono felice di leggere quali e quanti vantaggi, a seguito del vostro instancabile lavoro, offre l’acquisto di una Bravo, che, per me ha valore anche di più perchè è marchio Fiat, nel quale ho sempre riposto fiducia, tant’è che dal 1972 ad oggi non ho acquistato altro che Fiat e di Fiat ne ho possedute… nel target medio … credo TUTTE.
    Oggi ho una Stylo 1.9 GT, è la mia seconda Stylo, la prima era una 5 porte Dynamic, oggi ho la versione 3 porte.
    La prima Stylo acquistata nel 2002 ha percorso con me 170.000 km senza altra manutenzione che un tagliando ogni 20.000 km ed una cinghia di distribuzione a km. 95.000.
    Sono un agente di commercio ed ancora oggi agente di Seat Pagine Gialle.
    Nel marzo 2006 cambio la vettura con la versione 3 porte che mi lascia molto soddisfatta nella linea e nell’assetto, ma già a 20.000 km comincia un calvario che oggi sento finirà in un’aula di tribunale per la totale indifferenza posta dal personale della Sua Azienda nei riguardi di importanti difetti della mia vettura.
    Allora Le chiedo se gentilmente potesse chiarirmi quanto è da ritenere coerente che la Fiat si curi tanto della nuova vettura Bravo (sono allettata anche io già da tempo dal sostituire la mia vettura con questa “meravigliosa creatura”) mentre è possibile che perda un cliente di “valore”, quale io mi reputo, forse solo perchè oggi sono in possesso di una vettura che l’Azienda non produce più.
    La ringrazio per l’attenzione e se volesse dare seguito alla mia, potrei fornirle ogni dettaglio della mia problematica.
    Distinti saluti
    Francesca Barrale

  52. 52 paolo olivero

    Gent.le ingeniere,

    Sono possessore di fiat dal modello 128, ho provato tutta la gamma di segmento medio alto, trovandomi sempre bene con la uno 1.1 IE ho fatto Madrid - Torino senza una sosta. Ora ho una nuova Bravo GLP 1.4 ma comè possibile che non posso andare al mare perchè il pedale ha delle vibrazioni incredibili così come il freno a mano e sul lungo tragitto si avvertono in modo fastidioso, ho dovuto andare 3 volte dal meccanico prima di fare il pieno a gas perchè non funzionava l’impianto da nuova e dopo 300 Km ho rischiato l’incidente in autostrada perchè si spegne di colpo il motore e non funziona piu nulla. Spero che la nuova Bravo abbia risolto queste problematiche che mi costringono ad avere un’auto nuova e andare e venire dal meccanico dove senza carta di credito non si ha la vettura sostitutiva come da garanzia. Io non ho la carta di credito e resto a piedi.
    Distinti saluti

  53. 53 pietro

    complimenti è l’auto piu riuscita
    ottimi interni e un cruscotto stupendo aereodinamico motore con fiato da vendere.
    .bravissimo chi è stato !!!!!
    vi consiglio di realizzare un modello con totore v6 sarà da fare invidia!!!!

  1. 1 Nuova Fiat Bravo: a colloquio con l’ingegnere

Lascia il tuo commento


For spam filtering purposes, please copy the number 2869 to the field below: